5.5 – Snellezza delle pareti

 

La snellezza di una parete è funzione della lunghezza libera di inflessione (h0) e dello spessore (t) della parete stessa. A sua volta, h0 è funzione dell’altezza della parete (h) e del fattore laterale di vincolo (). Il fattore laterale di vincolo può variare da 0 ad 1 per come riportato nella tabella 4.5.IV del punto 4.5.6.2 del D.M. 14/01/2008 in funzione della distanza “a” delle pareti ortogonali che tendono a stabilizzare la parete oggetto di studio.

A titolo di esempio e per motivi di spazio si riporta graficamente (vedi figura 6) solo la parete 1-2-3-4-5, nella quale vengono indicati in tratteggio gli elementi che sono sottoposti a verifica. Considerazioni analoghe valgono per tutte le altre pareti di cui è composto l’edificio (per il riferimento grafico si consultino le figure 3 nelle quali vengono riportati i prospetti di tutte le pareti).

 

Figura 6 – Gli elementi con campitura sono sottoposti a verifica di snellezza

 

Nella nostra struttura, tutte le pareti hanno altezza compresa tra estradosso ed intradosso di due solai contigui pari a h = 305 cm. Lo spessore degli elementi è di 30 e 45 cm, per cui quello minimo è di 30 cm. Se si assume = 1 (valore più gravoso – 4.5.IV del punto 4.5.6.2 del D.M. 14/01/2008), si ottiene:

 

           

 

per cui, in definitiva, tutti gli elementi della struttura rispettano i requisiti della snellezza (snellezza minore di 12).

 

 << 5.4 – Rapporto tra i lati dell’edificio in pianta

5.6 – Valore limite del carico variabile (inferiore a 3.0 kN/m2) >>

 

Indice



giovedì 25 aprile 2024

tiranti in acciaio nelle costruzioni in muratura

muratura armata antisismica

Consolidamento edifici in muratura

consolidamento per edifici in muratura