Domanda 12.

Se il fattore di struttura q* è maggiore di 3, come si può intervenire sulla struttura per ridurne il valore?

 

Risposta 12.

La relazione che definisce il fattore di struttura è data dalla seguente:

               

dove Se(T*) è lo spettro elastico valutato per il periodo T*, F*y è la resistenza del sistema bilineare equivalente ed m* è la massa partecipante. Per gli edifici in muratura il periodo T* è generalmente compreso tra TB e TC (tratto costante dello spettro elastico), per cui il numeratore della precedente relazione si mantiene costante. Il fattore di struttura q* diminuisce se diminuisce la massa partecipante m*. Ridurre la massa m* non è una strada percorribile in quanto l'analisi funziona bene per valori alti della stessa. L'unico parametro gestibile è la resistenza F*y. Quindi, per ridurre il fattore di struttura q* occorre far aumentare la resistenza della struttura. Quest'ultima può essere aumentata attraverso il consolidamento della struttura.

Per esempio, se si consolida la struttura e si ottiene una curva di capacità come quella riportata nella figura successiva (sistema consolidato), si ottiene una riduzione di q* in quanto aumenta la resistenza del sistema equivalente.



venerdì 15 dicembre 2017

consolidamento per edifici in muratura

tiranti in acciaio nelle costruzioni in muratura

muratura armata antisismica

Consolidamento edifici in muratura